Biobanca

Expertise nell'organizzazione e gestione di una biobanca di campioni primari

Il personale IIGM ha una consolidata esperienza nella organizzazione e gestione di una biobanca che comprende:

- campioni primari di leucemia linfatica cronica (prelievi ematici), biopsie di melanoma metastatico e sarcoma. I campioni primari, anonimizzati alla fonte e ottenuti previo consenso informato dei pazienti e attraverso una rete di collaborazioni dell'Unità, sono processati per ottenere cellule primarie, plasmi e acidi nucleici (DNA/RNA). I campioni sono conservati in freezer dedicati (-130 °C; -80 °C e -30 °C) presenti presso l'IIGM. I campioni sonoo gestiti in maniera centralizzata dalla Responsabile della biobanca che segue le diverse fasi di processamento dei campioni. Al momento, la biobanca è composta da circa 1250 campioni di leucemia linfatica cronica, 60 campioni di melanoma metastatico e 40 campioni di sarcoma.

Contatto: Dott.ssa Katiuscia Gizzi (katiuscia.gizzi@iigm.it)

- campioni derivanti da pazienti con tumore della vescica e relativi controlli sani suddivisi in: linfociti da sangue periferico (PBMC, conservati in azoto liquido), urine, plasma, DNA.
PBMC: 300 casi + 300 controlli; urine: 200 casi con prelievi ripetuti; plasma: 280 casi + 200 controlli; DNA: 710 casi + 670 controlli.

- campioni derivanti da pazienti con mesotelioma pleurico (MPM) e relativi controlli sani esposti ad amianto suddivisi in: DNA da sangue periferico, siero e/o plasma.
DNA 460 soggetti con MPM e 680 soggetti esposti ad amianto; siero: 50 soggetti con MPM; siero e plasma: 370 soggetti non-MPM esposti ad amianto con prelievi multipli durante il follow-up

- campioni di DNA di 1500 soggetti sani, rappresentativi della popolazione Italiana, raccolti nell'ambito del progetto Network dei Genomi Italiani (NIG)

- sono inoltre conservati: campioni di PBMC criopreservati e DNA di circa 200 soggetti sani di eta' <30 anni utilizzabili per studi di correlazione genotipo-fenotipo; circa 100 linee cellulari linfoblastoidi di famiglie geneticamente tipizzate (CEPH reference, Coriell Institute for Medical Research).

Tutti i campioni sono anonimizzati alla fonte e ottenuti previo consenso informato dei pazienti. I campioni sono conservati secondo necessità in azoto liquido o in freezer dedicati (-130 °C, -80 °C, e -30 °C) presenti presso l'IIGM.

Contatto: Dott.ssa Alessandra Allione (alessandra.allione@iigm.it)